1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

I rallyes che vorremmo

Discussione in 'Regolamenti Rally' iniziata da Daniele Grechi, 27 Novembre 2014.

  1. Daniele Grechi

    Pilota esperto

    31%
    Messaggi:
    1.163
    "Mi Piace" ricevuti:
    604
    Punteggio:
    1.308
    Visto che si avvicinano le feste....vorrei chiedere a tutti voi cosa vorreste cambiare dei rally odierni,o se avete idee e suggerimenti,magari qualcuno che governa il nostro sport potrebbe trarre qualche spunto...
    Comincio io:
    -)Riduzione del costo della licenza,o quantomeno introdurre licenze economiche per chi vuol fare solo il naviga o gareggiare ad es solo nei trn

    -)Abolizione o modifica delle norme sulle ricognizioni,tanto nessuno rispetta le norme attuali e non ci sono controlli...

    -)Sostenere almeno a livello tecnico e logistico coloro che ottenendo dei piazzamenti in campo nazionale,ad es vittoria di trn o cir,decidono di partecipare a campionati superiori,ad es cir o mondiale

    -)Diversa regolamentazione delle scadenze delle dotazioni di sicurezza e controllo dei loro costi,possibile che una mamma accompagni i figli a scuola con cinture d'epoca...e noi cambiarle magari dopo averle usate tre volte? Possibile comprare un casco in Francia a 180 euro quando in Italia ce ne vogliono 600?

    -)Agevolazioni per tutti coloro che sono titolari di licenza csai o che in modo documentabile siano coinvolti direttamente nel settore per assistere alla gara mondiale italiana

    A voi altri suggerimenti
     
    A A T RACING TEAM piace questo elemento.
  2. rally

    Membro dello Staff Pilota esperto

    91%
    Messaggi:
    9.188
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.105
    Punteggio:
    1.908
    Località:
    Milano
    D'accordo su tutto. Per i giovani dovrebbe inoltre essere più semplice e meno costoso avvicinarsi a questo sport.
     
    A Daniele Grechi piace questo elemento.
  3. maxyte

    maxyte Ambasciatore di Rally.it
    Membro dello Staff Pilota esperto

    6%
    Messaggi:
    1.249
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.116
    Punteggio:
    2.060
    Località:
    Cameri
    A tal proposito, ieri ho chiaccherato nel paddock di monza con Renzo Magani, che mi ha confermato una notevole partecipazione a " Italian Rally Talent " nonostante il costo dell' iscrizione, che l' edizione passata non esisteva, e mi ha detto che grazie ad uno sponsor hanno acquistato in francia 4 peugeot 208 R2 nuove, con una spesa esagerata, proprio per promuovere i giovani meritevoli
     
    A Cabrinho, rally e Daniele Grechi piace questo elemento.
  4. mishima87

    Membro dello Staff Pilota esperto

    34%
    Messaggi:
    1.573
    "Mi Piace" ricevuti:
    995
    Punteggio:
    1.344
    bisogna sempre sperare che vengano veramente premiati i giovani meritevoli come fanno in FFSA (con risultati noti a tutti), e non alla "italiana"..
     
    A rally, Daniele Grechi e sandro.sterrato piace questo elemento.
  5. Norman Bates

    Membro dello Staff Pilota esperto

    59%
    Messaggi:
    6.875
    "Mi Piace" ricevuti:
    2.405
    Punteggio:
    2.590
    Bobo Cambiaghi:
    "La prima considerazione che mi viene in mente e' che di fatto i rally oggi sono inavvicinabili per i piu'. Quando uno osserva i partenti di una gara mondiale non puo' non sorprendersi che alla partenza non vi siano che una 50 ina di macchine max. Un contrasto spaventoso pensando al blocco delle iscrizioni a 350 partenti dei montecarlo degli anni 70/80. Forse e' il caso che si riavvicinino i giovani con una classe di vetture di serie con 2 cazzo di ruote motrici, con vetture che usufruiscano solo delle omologazioni in fiche , che si usino gomme a basso prezzo di modello unico impiegabili su asciutto e bagnato e di un modello standard per la terra ma e' certo che riportando i rally almeno nazionali alle origini dove per paradosso molti correvano con la macchina di tutti i giorni forse si ricreerebbe l'entusiasmo in un mondo che di fatto ha perso la sua vera identita'. Non e' certo questa la sede per ripensare esaustivamente a come riportare i rally in auge ma cerco di buttare il famoso sasso in piccionaia affinche' quantomeno si riaccenda un dibattito"
     
    A rally e Daniele Grechi piace questo messaggio.
  6. 037

    037
    Pilota esordiente

    38%
    Messaggi:
    24
    "Mi Piace" ricevuti:
    35
    Punteggio:
    113
    É da pochissimo che sono su questo forum e ho trovato tante discussioni interessanti.
    Questa mi piace davvero tanto perché purtroppo il nostro sport è ridotto davvero male.
    Il problema a mio avviso non sono i costi in sè ma il divario che c'è tra spesa e ritorno di immagine.
    È comprensibile che 200 rally in un paese di calcio-dipendenti sono inutili, inoltre queste gare sono troppo corte per formare giovani da avviare alla carriera internazionale.
     
    A Luca Rally90, Norman Bates, McFrank e 1 altro utente piace questo messaggio.
  7. McFrank

    Membro dello Staff Pilota esperto

    47%
    Messaggi:
    1.844
    "Mi Piace" ricevuti:
    925
    Punteggio:
    1.470
    Leggevo un'intervista di Cantamessa qualche giorno fa e diceva esattamente le stesse cose. Oltre al ritorno di immagine, anche ritorno di spesa direi ;)

    Seguo il Cir e i rally in generale da un po' di anni, essendo giovane il periodo più appassionante per me è stato quello non troppo lontano delle Gruppo N vs Super 1.6. Effettivamente prima c'erano anche parecchi trofei con il Cir e da quello che ho capito i premi erano anche molto più alti. Cos'è successo da allora? E' un problema di crisi generale?

    Resta poi un mistero per me il fatto che in tutti questi anni la Federazione non sia riuscita a migliorare un minimo la situazione.
     
    A 037 piace questo elemento.
  8. 037

    037
    Pilota esordiente

    38%
    Messaggi:
    24
    "Mi Piace" ricevuti:
    35
    Punteggio:
    113
    Per migliorare il nostro mondo partirei dal primo gradino cioè dalla visita medica.
    A causa della crisi economica ci si avvicina ai rally sempre più tardi e come avete visto i malori in gara sono sempre più frequenti, quindi per come la vedo io una maggiore severità nelle visite mediche penso sia alla base della sicurezza in gara e per certi versi anche dello spettacolo.
     
  9. Norman Bates

    Membro dello Staff Pilota esperto

    59%
    Messaggi:
    6.875
    "Mi Piace" ricevuti:
    2.405
    Punteggio:
    2.590
    Campionato italiano Rally terra, chilometraggi gara di ps: Liburna 56, Nido Aquila 51, Val d'Orcia 53. Come puoi fare una gara titolata di 50 km spendendo 700/800 euro d'iscrizione (con una top car) ? E come dice giustamente 037 ritorno d'immagine nullo. Le visite su Rally.it le vediamo ed il Rally terra non ha nesssun appeal. Motivi: gare corte, assenza di squadre ufficiali e protagonisti, zero pubblicità ( e poi si arrabbiano pure se fai le dirette Facebook) ma se sono gare che non guarda nessuno, come fai ad arrabbiarti se qualcuno la riprende , publicizzandola gratuitamente.
     
    A 037 e McFrank piace questo messaggio.
  10. 037

    037
    Pilota esordiente

    38%
    Messaggi:
    24
    "Mi Piace" ricevuti:
    35
    Punteggio:
    113
    Altro punto dolente sono le licenze....in un intervento precedente Daniele Grechi poneva l'accento sui costi, effettivamente sono alti, soprattutto per quello che abbiamo in cambio.
    A mio parere bisognerebbe introdurre almeno 4 tipi di licenze: una di ingresso per i giovani che consente nei correre con le auto più piccole; una per gli amatori sempre per le auto piccole ( siamo abbastanza stufi di vedere piloti improvvisati con delle WRC) una junior per i giovani promettenti e una senior per professionisti o per piloti che hanno ottenuto determinati risultati.
    L' obiettivo è sarebbe uno cioè: se vuoi salire di livello devi andare forte altrimenti stai dove sei anche se hai i soldi.
     
    A Daniele Grechi, TwoStroke, Norman Bates e 1 altro utente piace questo messaggio.
  11. TwoStroke

    Membro dello Staff Pilota esperto

    38%
    Messaggi:
    1.178
    "Mi Piace" ricevuti:
    520
    Punteggio:
    1.379
    Località:
    Parma
    Concordo e purtroppo funziona tutto al contrario.
    Tempo fa volevo togliermi la voglia e possiamo dire anche il sogno, di correre un rally. Conti alla mano, noleggiando una vettura, chiaramente di piccole dimensioni, la cifra era esorbitante. Da mani nei capelli. E non per la vetture in se, ma tutto ciò che ci sta dietro!

    Il problema oltre i costi è anche inserirsi. Oggi se non hai l'aiutino non vai avanti, talento o meno...
     
    A 037 e Daniele Grechi piace questo messaggio.
  12. Norman Bates

    Membro dello Staff Pilota esperto

    59%
    Messaggi:
    6.875
    "Mi Piace" ricevuti:
    2.405
    Punteggio:
    2.590
    Personalmente la cosa che detesto sono le varie omologazioni che scadono, non solo abbigliamento (che già non te lo regalano) ma chi possiede una vettura deve continuamente aggiornarla e se si parla di auto storica dovrebbe stravolgerla (abbassando il valore dell'originalità). E poi basta con tutte le varie scoperte che ogni anno ci propinano...una volta il tracking system, l'anno dopo le assicurazioni, poi il serbatoio....tutti costi che inevitabilmente tagliano i licenziatari che sono sempre meno.
     
    A 037 e Daniele Grechi piace questo messaggio.
  13. 037

    037
    Pilota esordiente

    38%
    Messaggi:
    24
    "Mi Piace" ricevuti:
    35
    Punteggio:
    113
    Si Norman sono d'accordo in pieno, non penso che la sicurezza la possa fare un codice stampato su una tuta o un sedile.
    Poi penso che l' unico modo per rendere veramente sicuri i rally sia quello di allungarli. Le gare sprint di oggi obbligano gli equipaggi a correre come in una cronoscalata e dare il loro 100% fin da subito. Se le gare fossero più lunghe quindi : nazionali da 150km di ps (tipo IRC) Cir da almeno 200km di ps e WRC con 450/500 km di ps....ci sarebbe una scrematura degli organizzatori e chi corre non deve tirare soltanto ma imparare a preservare la macchina.
     
    A Daniele Grechi piace questo elemento.
  14. 037

    037
    Pilota esordiente

    38%
    Messaggi:
    24
    "Mi Piace" ricevuti:
    35
    Punteggio:
    113
    Qui si apre un dibattito mostruoso! Personalmente penso che i regolamenti tecnici siano da rifare completamente. Pensate solo alle WRC alle R5 e alle nuove r4....sono le stesse macchine! É normale che la gente non si avvicina più al rally vede solo auto di un solo segmento e se non c'è gente non ci sono neanche i costruttori.
    I piloti oggi non sono più tali ma clienti di tutti quei costruttori che creano kit con prezzi esorbitanti ( pensate la 208r2 che dovrebbe essere una macchina x giovani)
     
    A McFrank e Daniele Grechi piace questo messaggio.
  15. Gibba

    Pilota esperto

    61%
    Messaggi:
    1.338
    "Mi Piace" ricevuti:
    641
    Punteggio:
    1.609
    Località:
    Genova
    Credo che, prima o poi, una gara come Val Merula o Ronde Val d'Aveto la farò, per togliermi lo sfizio: ma hai ragione tu, con una macchina piccola, mettendoci licenza, affitto auto (comprensivo di gomme e franchigia) e vestiario, si arriva a cifre già importante..
     
    A Daniele Grechi piace questo elemento.
  16. McFrank

    Membro dello Staff Pilota esperto

    47%
    Messaggi:
    1.844
    "Mi Piace" ricevuti:
    925
    Punteggio:
    1.470
    Questo è un grandissimo problema infatti anche secondo me
     
    A Daniele Grechi piace questo elemento.
  17. Daniele Grechi

    Pilota esperto

    31%
    Messaggi:
    1.163
    "Mi Piace" ricevuti:
    604
    Punteggio:
    1.308
    Già dal prossimo anno si ripropone la bega dei serbatoi di sicurezza,e la creazione dei due nuovi gruppi "prod E" e "prod S" sta creando confusione....
     
    A 037 piace questo elemento.
  18. 037

    037
    Pilota esordiente

    38%
    Messaggi:
    24
    "Mi Piace" ricevuti:
    35
    Punteggio:
    113
    É proprio la confusione il nemico dei rally. Già è uno sport con un regolamento abbastanza complesso se poi aggiungiamo il super rally un regolamento tecnico che fa correre solo utilitarie in salse diverse e poi la cavolata dello scorso anno nel Cir con 2 gare in una la frittata è fatta.
     
    A Daniele Grechi e McFrank piace questo messaggio.
  19. TwoStroke

    Membro dello Staff Pilota esperto

    38%
    Messaggi:
    1.178
    "Mi Piace" ricevuti:
    520
    Punteggio:
    1.379
    Località:
    Parma
    La questione dei serbatoi di sicurezza ha fatto e fa molto discutere. Non sono molto documentato su ció, ma sicuramente non ha un prezzo indifferente e l’impatto si percepisce molto di più sui piccoli.
    Il discorso è che servirebbe una categoria dove, sempre non tralasciando la sicurezza, si ha un’agevolazione a correre. Come accennava Daniele, per me si dovrebbe partire da un discorso del tipo: vettura pressochè stradale (con giusto il minimo indispensabile per correre, gomme miste e tariffe di licenza agevolate.
    In questo modo la possibilitá di invogliare i giovani a investire crescerebbe del doppio, e parlo da giovane amante dei rally!
    Se ci fosse una cosa del genere probabilmente non ci penserei due volte a prendere la mia Fiesta, farla “Production” e cimentarmi magari anche in solo 2 rally all’anno. Ma quest’ultimo discorso mi fa tornare alla mente i vecchi tempi, i primi tempi dei rally. E allora il circolo vizioso continua.
    In italia è molto castrato come sport, ovvero l’esatto contrario ad esempio della finlandia.
    Ma non voglio dilungarmi troppo per non risultare noioso e ripetitivo.


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
     
    A Daniele Grechi piace questo elemento.
  20. Daniele Grechi

    Pilota esperto

    31%
    Messaggi:
    1.163
    "Mi Piace" ricevuti:
    604
    Punteggio:
    1.308
    @TwoStroke .... La categoria che dici c'è già! La "racing start",vetture completamente di serie salvo per le dotazioni di sicurezza...come la mia 106,con la quale corro e mi diverto spendendo pochissimo....peccato che questo gruppo non sia stato adeguatamente promosso da Acisport(c'era da guadagnare poco....) ma anche non capito da chi corre e vorrebbe tutto e subito a livello di performance nonostante con le "racing start plus" si sia data un pò di libertà tecnica....ora,con la storia dei serbatoi,costo medio 2mila euri,può darsi che qualcuno dirotti la propria auto almeno in rs plus.....
    In Racing start la vettura può anche non essere omologata,vedi la Mini....scaricati i regolamenti dal sito acisport....
     
    A McFrank e TwoStroke piace questo messaggio.

Condividi questa Pagina