1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

Tecnica La frenata

Discussione in 'Tecnica' iniziata da rally, 5 Aprile 2012.

  1. rally

    Membro dello Staff Pilota esperto

    91%
    Messaggi:
    9.188
    "Mi Piace" ricevuti:
    1.105
    Punteggio:
    1.908
    Località:
    Milano
    Frenare è probabilmente la cosa più complessa del pilotaggio. La differenza tra i campioni e i mediocri, infatti, non è tanto nella capacità di accelerare o di percorrere una curva più velocemente: se guardiamo le velocità di percorrenza di un lungo curvone, sono tutte più o meno simili.

    Quello che realmente distingue il Campione (con la "C" maiuscola) dall'onesto mestierante, è la capacità di frenare più tardi: il "tempo", infatti, si fa frenando più "dentro" la curva, e percorrendo quindi più spazio a massima velocità prima di rallentare.

    Perché il Campione può frenare più tardi? Premetto che se sapessi rispondere compiutamente a questa domanda, batterei Huttu ovunque... :-b
    Noi qui accontentiamoci di capire come si può rendere più efficace la frenata in teoria :)

    Allora: la prima cosa da mettersi in testa, è che una ruota bloccata fa meno attrito di una che gira, per cui se blocco le ruote allungo gli spazi di frenata. La cosa principale per ottenere una frenata potente ed efficace è quella di non bloccare mai le gomme.

    In taluni casi, però, questo non è rigoroso. Nel 1967 ovviamente non c'era l'ABS, se la frenata avviene con una gomma che ha meno carico delle altre (es. una frenata in semicurva, o con l'auto appena sbilanciata), vi sarà l'anteriore "interna" che tenderà al bloccaggio. In quel caso, è preferibile sfruttare al massimo l'aderenza delle altre 3 gomme, accettando il bloccaggio di quell'unica gomma con poca aderenza, piuttosto che sacrificare l'aderenza di tutte le gomme in funzione dell'unica che tende al bloccaggio.

    Naturalmente, la frenata deve essere effettuata in modo da non sbilanciare l'auto: per quanto possibile, bisogna sempre frenare con l'auto perfettamente allineata, solo in questo modo si può premere a fondo sul freno e sfruttare l'aderenza di tutte e 4 le gomme. Se si comincia a zig-zagare durante la frenata, diventa indispensabile rilasciare il freno per poter controllare l'auto e non fare testacoda, con ovvio allungamento dello spazio di frenata (e possibile drittone nella sabbia... o sul muro, a seconda di cosa ci sia!).

    Un'altra soluzione che tendo ad adottare per "salvarmi", quando mi sbilancio in frenata, è quella di premere a fondo il freno, blocco l'avantreno e l'auto si riallinea più o meno da sola partendo per la tangente. Svantaggi: perdo direzionalità (cioè l'auto parte dritta per la tangente, e non posso cambiare la direzione), e allungo comunque lo spazio di frenata, col rischio di un "lungo".

    Ma questi sono tutti errori cui non bisogna arrivare!

    Per effettuare una frenata potente, efficace e corretta, quindi, è necessario avere l'auto perfettamente allineata, lo sterzo dritto e pestare con decisione sul freno.
    Sull'auto da strada siamo abituati a premere il freno progressivamente, ma su un'auto da corsa questa non è la cosa ideale. Ricordate che tutto il tempo che passate aumentando la forza frenante, è un transitorio durante il quale non state sfruttando la massima potenza frenante possibile (visto che dovete ancora arrivarci). Insomma state perdendo tempo.

    Il modo per minimizzare i transitori, e dunque teoricamente per minimizzare i tempi e gli spazi di frenata, è quello di dare prima un pestone al freno a fondocorsa, e poi, immediatamente dopo, di modulare per impedire che le gomme arrivino al bloccaggio. All'inizio con questo metodo si ottengono solo degli spettacolari lunghi a ruote fumanti... ;-)
    Ma poi presa dimestichezza con i "tempi" e la corsa del pedale, si impara a sfruttare al massimo la potenza frenante, eliminando virtualmente i transitori che fanno perdere tempo in frenata.

    Rilasciare il freno: Diceva Jackie Stewart (uno che penso, sapesse fare a guidare): "di tutte le cose che ho imparato nella guida, l'ultima è stata comerilasciare il freno".

    Quando stiamo per finire la frenata, e ci prepariamo a inserirci in curva, diventa fondamentale come rilasciamo il freno. Da come effettuiamo questa manovra, dipende come l'auto rialza il muso e perde carico all'avantreno. Giocando su questa manovra, quindi, possiamo forzare l'auto a modificare il proprio comportamento, facendola passare da sotto a sovrasterzante.

    Queste comunque sono tecniche avanzate che discuteremo più avanti, quando parleremo del trail braking. In linea di principio, per il pilota medio, l'ingresso in curva deve avvenire già a freno rilasciato.

    fonte webalice.it/mbacilieri
     

Condividi questa Pagina