1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

Valentino Rossi rallista

Discussione in 'Discussioni Generali' iniziata da Luca Rally90, 5 Agosto 2011.

  1. F150

    Membro dello Staff Pilota esperto

    43%
    Messaggi:
    1.671
    "Mi Piace" ricevuti:
    643
    Punteggio:
    1.429
    Quoto, ma attenzione!
    La critica non è apertamente polemica nei confronti di Rossi, anzi, io stesso evidenzio che "lo sport è sempre più proprio dei ceti alti", ma non cito piloti che guidano con budget personale, perchè questa categoria di drivers è sempre esistita e va, in un certo senso, tutelata, perchè preziosa nel mondo dei rally, indipendentemente dalle doti velocistiche. Io metto in discussione piloti di questa tipologia:
    "la presenza di alcuni personaggi ha il sapore amaro del business, ormai sempre più protagonista anche in una serie di spicco qual è appunto il mondiale rally".
    Si parla di personaggi più che popolari, i quali hanno addirittura in pugno la stabilità di una squadra!
    Condivido, insomma, tutti i punti, specie i n. 1 e 2, senza la minima obiezione, basti pensare che l'anno scorso Ford e Citroen si sono opposte a percorsi più estesi, anche superiori a 500 km...
    Forse, con un eccesso di retorica, io critico chi si cimenta nel rally a partire dalla cima, non si può considerare un hobby il WRC, perchè, sempre a prescindere dalla competitività, le sfide sono di altissimo prestigio e portata. Detto questo, la mia arringa non si rivolge in particolare a Rossi, Kubica e Raikkonen, i quali hanno affrontato le loro esperienze con scrupolosità, rispondevo a dececchin sulla tematica. Ribadisco, dunque, che WRC e hobby non si possono associare, così come gli sponsor non si possono associare a dei campionati minori. In altre parole, la presenza di personaggi popolari deve essere filtrata quando opportuno, in funzione dell’atteggiamento di chi sperimenta e tasta un salto così importante.
     
    #61 F150, 6 Gennaio 2013
    Ultima modifica: 6 Gennaio 2013
  2. Luca Rally90

    Membro dello Staff Pilota esperto

    60%
    Messaggi:
    3.924
    "Mi Piace" ricevuti:
    412
    Punteggio:
    1.599
    Mi sembra che nella discussione la pensiamo tutti abbastanza allo stesso modo!

    Comunque @dececchin io non sono la persona più indicata a parlare dei Gruppo B visto che nel mio nickname la cifra 90 indica il mio anno di nascita (cioè io nascevo quando stavano pensionando queste vetture)

    Comunque in buona sostanza le Gruppo B erano vetture abbastanza costose da gestire, che vivevano anche grazie al supporto di Preparatori quali Nocentini, Grifone e Jolly Team (quelli che oggi mancano). Alcuni pericolosi incidenti con vittime (cito i drammi di Toivonen/Cresto, Bettega e quella in Portogallo) hanno convinto i Costruttori impegnati nel Mondiale a lasciare (Lancia e Audi in fuga, in quel periodo arrivarono gli orientali con le vecchie WRC)

    Questo è il crash in Portogallo in cui persero la vita molti spettatori

    [video=youtube;mHDIhqTOrS4]http://www.youtube.com/watch?v=mHDIhqTOrS4[/video]

    Che altro dire...è stata la fine di un'era! Un'era in cui il Campionato del Mondo Rally faceva concorrenza alla F1, aveva grandissimi protagonisti al via ma ha lasciato il segno anche in termine di vite umane perse (peraltro anche nel 2012, senza Gruppi B, abbiamo pianto abbastanza direi...)

    Fino a quel momento la FIA aveva il pieno controllo dei regolamenti...era la FIA a decidere quali vetture correvano e quali no! E se un costruttore se ne andava, sapevano che sarebbero entrati altri 2... oggi la FIA è vittima dei Costruttori, che da un giorno all'altro possono abbandonare il campionato...

    Chiusura sui Gruppi B...un tempo era l'unico tipo di vetture presente (praticamente) quindi correvi con quelli o niente... Oggi, con tutte le categorie (o mezze) la scelta spesso ricade su vetture più economiche...
     
  3. dececchin

    Pilota esordiente

    18%
    Messaggi:
    24
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Punteggio:
    101
    secondo me è comunque un peccato non per il gruppo b, ma per le case italiane come la lancia e la fiat o la alfa (quella però già dall'inizio non gli andavano a genio il rally) che non gareggiano più e ora ci sono solo case francesi e la ford (queste sono le principali secondo me). sarebbe bello vedere un pilota come andreucci su una italianissima lancia o fiat invece che su una peugeot.

    credo che con i miei post sono andato un po fuori discussione scusate
    però dite cosa ne pensate di quest'ultima cosa che ho detto!
     
  4. Rallysta95

    Rallysta95 Articolista WRC
    Pilota esperto

    26%
    Messaggi:
    1.688
    "Mi Piace" ricevuti:
    63
    Punteggio:
    1.256
    Beh guarda, per quanto riguarda le case italiane nei rally, siamo messi proprio male, ormai la fiat e company pensano solo a cercare di evitare costi inutili (secondo loro rally compreso) che possano influire su ulteriori perdite di denaro che gia, nelle loro tasche (o cosi fan sembrare) non ne è rimasto molto. Le uniche case che gareggiano nel mondiale, lo fanno perche hanno innanzitutto speso i loro soldi per i loro investimenti in maniera migliore e soprattutto, sperano che lo sport (in questo caso il rally) serva come pubblicità diciamo per mostrare a noi i loro successi sportivi. Possiamo quindi vedere che la Fiat & company, pensano e fanno l' esatto contrario di cio.
     
  5. dececchin

    Pilota esordiente

    18%
    Messaggi:
    24
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Punteggio:
    101
    peccato davvero che la fiat non faccia come la ford o le altre case francesi che non pensano soltanto a vendere, pensano anche a dare buon luce sulla casa e sui modelli che produce, questo grazie agli eventi sportivi come in questo caso il rally o altre competizioni sportive non necessariamente rinomatissime.
    ma per curiosità nei rally la ford gareggia come casa produttrice (sono quasi sicuro di questo) o gareggiano delle scuderie private?
     

Condividi questa Pagina